Responsabilità e Coerenza – Aprile 2011

RESPONSABILITA’ E COERENZA

 

Sono momenti duri per gli enti pubblici. Le ristrettezze economiche contingenti costringono le pubbliche amministrazioni ad operare scelte difficili. Il nostro impegno dai banchi della minoranza, ci ha portato a formulare proposte valide tese ad affrontare l’attuale periodo costellato da ostacoli. Nonostante le ridotte disponibilità, il nostro obiettivo era di mantenere le aliquote di prelievo fiscale senza aumenti, andando a trovare le necessarie disponibilità da un taglio alle spese superflue o inutili, oltre che contenere quelle insopprimibili.

E’ pur vero che una gestione oculata e responsabile della passata amministrazione ci avrebbe portato ad una realtà economica completamente diversa da quella attuale, ma bisogna comunque pensare al futuro affrontandolo senza rimpianti.

L’amministrazione comunale ha recentemente portato in consiglio il bilancio 2011 per l’approvazione. Dopo un’attenta valutazione, verificata l’essenziale sintonia con i nostri progetti, abbiamo espresso voto favorevole.

Altro argomento che ci preme rilevare, è il successo dell’evento da noi organizzato il 31 marzo corso avente per tema la criminalità organizzata.

La presenza di personaggi di rilievo ha generato un’approfondita analisi del fenomeno, disegnando un panorama inquietante che può essere validamente contrastato solo con il costante impegno di tutta la collettività.

La società civile ha l’obbligo di fare quadrato affinché questo cancro non possa attecchire oltre, dimenticando schieramenti di appartenenza e dando peso soltanto al comune interesse per il bene della società. E’ confortante rilevare la presenza della sindaca e di numerosi assessori, ai quali necessità riconoscere l’impegno profuso.

About the author

tino had written 18 articles for Insieme per Corsico

One Response to "Responsabilità e Coerenza – Aprile 2011"
  1. Gian Luca Triglia 7 maggio 2011 12:21 pm

    E’ notizia di questi giorni, che il bilancio consuntivo del 2010 si chiuderà con circa 3.000.000€ di avanzo, ovvero soldi non spesi e che non potranno più esserlo, in virtù dei vincoli del patto di stabilità.

    Ora, ci auguriano di cuore che lo stesso non accada fra un anno: non si possono chiedere sacrifici ai cittadini, rispondergli che certi interventi di manutenzione non si fanno perché non ci sono soldi, quando invece quelli che sono stati messi a bilancio non sì è neanche riusciti a spenderli tutti!

Leave your response

You must be logged in to post a comment.