La difficile “coabitazione forzata” tra il Teleriscaldamento e il Quartiere Burgo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo elaborato di Riccardo Pasolini, del Comitato Teleriscaldamento Burgo.

La coabitazione forzata tra il Quartiere Burgo e il Teleriscaldamento ha avuto inizio ancor prima dell’insediamento delle famiglie nel quartiere.
Fin dalle prime riunioni la Cooperativa De Gradi (all’epoca era ancora la Cooperativa Milano Sud Ovest) ha spiegato ai soci che il Quartiere di nuova realizzazione sarebbe stato dotato di un sistema di riscaldamento e produzione di acqua sanitaria altamente innovativo: un impianto di tele-riscaldamento e di cogenerazione , sulla base delle più recenti esperienze, quali quelle del Comune di Brescia e del Comune di Milano che proprio in quel periodo (siamo nel 2005/2006) stavano attuando tali sistemi.
La realizzazione di un tale impianto, così come ci era stato prospettato, appariva decisamente soddisfacente: sia perché il combustibile impiegato (gas) avrebbe contemporaneamente prodotto calore e energia elettrica e, dunque, avrebbe avuto un basso impatto ambientale, sia perché doveva essere di gran lunga più economico di qualsiasi altro sistema di riscaldamento. Senza considerare che il servizio sarebbe stato svolto in convenzione con il Comune di Corsico e, quindi, sotto la supervisione dell’amministrazione comunale.
Per queste ragioni l’impianto nasceva per il Quartiere ma con un potenziale sviluppo per l’intera città.
Nonostante queste positive premesse abbiamo avuto la prima sgradevole sorpresa già con la sottoscrizione del contratto: dopo la consegna delle abitazioni la società Rete S.p.A., che aveva all’epoca in gestione il servizio, ci ha convocati per sottoporci un contratto avente durata trentennale (la scadenza è al 25 luglio 2037 !).
Sì, avete letto bene: in un periodo in cui si parla di liberalizzazioni e di vietare le clausole di rinnovo automatico dei contratti, a noi è stata “imposta” la sottoscrizione di un contratto della durata di ben 30 anni. E, si badi bene, poiché il Quartiere è stato costruito proprio in funzione del teleriscaldamento, non abbiamo una possibile alternativa (caldaia condominiale, impianti termo-autonomi, etc.).
Ma le sorprese non erano ancora finite.
Con l’arrivo delle prime bollette ci siamo resi subito conto che non solo non spendevamo meno dei tradizionali riscaldamenti a cui eravamo abituati, ma addirittura molto di più.
Ma non solo: nelle fatture erano anche esposte consistenti somme per dispersioni di calore (40% – 45% – 55%), nonostante l’impianto fosse completamente nuovo e – ci era stato “sbandierato” – a basso impatto ambientale.
È così iniziata una raccolta di firme su base spontanea (sì, ci siamo dovuti auto-organizzare in quanto in questa storia fin dall’inizio, siamo stati abbandonati a noi stessi) per scrivere al gestore del servizio, Rete S.p.A., ma anche per conoscenza al Comune e alla Cooperativa, per chiedere se la tariffa applicata – all’epoca di 97,16 euro al MWh + Quota fissa + IVA – fosse stata effettivamente concordata con il Comune e se fosse coerente con quanto previsto nella Convenzione (del 25 luglio 2007) stipulata tra il Comune di Corsico e la Cooperativa.
Convenzione che all’art. 5 (“Tariffe”) prevedeva che “il sistema applicato per il teleriscaldamento dovrà comportare l’applicazione di una tariffa che non sia superiore a quella applicata nel territorio di Corsico per gli impianti funzionanti a gas naturale” e che “Il sistema tariffario applicato sarà concordato con il Comune prima dell’avvio del servizio”.
Questo avveniva nel mese di gennaio 2010, dopo avere pagato esorbitanti bollette per ben due stagioni invernali.
Ebbene nessuna risposta è pervenuta da parte di Rete S.p.A., mentre il Comune di Corsico, sulla base delle nostre richieste, nel marzo del 2010 ha rilevato: “si ritiene che la Concessionaria stia applicando tariffe non concordate con il Comune” (lettera Comune di Corsico del 2 marzo 2010 – prot. n. 5057).
Ma come! : il Comune avrebbe dovuto controllare fin dall’inizio che le tariffe fossero concordate e non chiedere chiarimenti, dopo due anni e solo a seguito delle richieste dei cittadini !
Eravamo comunque contenti che finalmente il Comune si fosse mosso, ma la felicità è presto svanita.
A seguito di una nostra altra raccolta di firme, nel mese di maggio 2010 Rete S.p.A. ha inviato al Comune (e non agli abitanti del Quartiere, la loro controparte contrattuale, sempre totalmente ignorata, se non nella richiesta di pagamento delle fatture) una relazione di raffronto sulle tariffe applicate.
Ovviamente la relazione non convinceva molti di noi, ormai costituiti in una sorta di informale “Comitato” per la tutela dei nostri diritti inerenti il teleriscaldamento e… del nostro portafoglio.
Abbiamo dunque contestato la relazione al Comune e a Rete e, successivamente (siamo a fine 2010) il Comune, fatta effettuare una analisi ad un suo perito (l’ing. Turco) ha rilevato che effettivamente le tariffe applicate erano troppo elevate e le ha contestate a Rete.
A questo punto, sulla base di quanto stabilito dalla Convenzione, è stato istituito un Collegio tecnico (un perito del Comune, uno di Rete e uno dall’Ordine degli Ingegneri di Milano) che nel febbraio 2012 (sì: tra una cosa e l’altra è passato più di un anno e noi eravamo già alla quarta stagione invernale) nel suo elaborato ha concluso che le tariffe, seppur inizialmente elevate, sarebbero in seguito state ricondotte nei limiti di quanto stabilito nella convenzione.
Ma, si badi bene, la relazione del Collegio è stata firmata solo dal perito di Rete e da quello nominato dall’Ordine degli Ingegneri di Milano; mentre non è stata firmata dal perito nominato dal Comune, ing. Turco, essendo questi in disaccordo con le conclusioni (per completezza, la sola perizia del Collegio Tecnico sembra sia costata al Comune di Corsico, e quindi a noi cittadini, tra 30.000 e 40.000 euro a cui vanno sommati i costi della precedente perizia richiesta all’Ing. Turco; l’importo preciso non ci è mai stato chiaramente indicato, ma è ovviamente disponibile nel bilancio comunale).
Il disaccordo dei Tecnici ben si comprende se si considera che il Collegio, per determinare la congruità delle tariffe applicate dal gestore, non ha proceduto al loro raffronto con quelle realmente applicate nel Comune di Corsico, nonostante il chiaro tenore dell’art. 5 della Convenzione.
A giugno 2012 abbiamo dunque – noi del “Comitato” – chiesto al Comune un incontro con i tre periti componenti il Collegio tecnico; l’incontro è stato fissato, ma si è presentato solo il presidente del Collegio, l’ing. Bosetti (all’incontro erano presenti anche i responsabili dei partiti politici componenti il Consiglio Comunale).
Orbene, nell’incontro l’ing. Bosetti ha chiaramente indicato che nel corso delle operazioni NON È STATO EFFETTUATO NESSUN RAFFRONTO CON LE TARIFFE APPLICATE NEL COMUNE DI CORSICO.
E, si badi bene, noi condomini, basandoci sulle nostre esperienze individuali, abbiamo prodotto una relazione di più di 100 pagine per porre in evidenza tutti gli errori e le contraddizioni della perizia del Collegio Tecnico; a tale relazione ne è anche seguita in parallelo un’altra da parte dell’Ing. Turco che motiva le ragione della sua dissociazione rispetto alle conclusioni del Collegio Tecnico.
Ma nulla è cambiato.
Solo per darvi qualche numero:
- la tariffa inizialmente applicata (dispersioni, quota fissa e IVA a parte) era di euro 97,16/Mwh;
- a gennaio 2011 (con il passaggio da RETE a ATECC) è scesa a euro 93,00/Mwh
- successivamente (gennaio 2012) la tariffa è aumentata a euro 100,92/Mwh (quella attuale);
mentre nel Comune di Corsico le tariffe applicate (IVA a parte) vanno da euro 66,96/MWh a euro 96,64/MWh, come risulta da una tabella comparativa che abbiamo predisposto noi – del “Comitato” – e consegnato al Comune.
Nonostante ciò, ancora nulla è cambiato; il Comune ha di fatto approvato il comportamento del gestore, che nel frattempo è divenuto ATECC S.r.l. e noi continuiamo a pagare fatture salatissime senza avere una alternativa se non quella… di rimanere al freddo.
Tanto che il Comune con la deliberazione di Giunta Comunale n. 155 del 27 novembre 2012 “ha preso atto del parere conclusivo del Collegio e ha determinato quanto ivi previsto”. Ciò, nonostante il suo perito fosse di parere evidentemente contrario, non avendo sottoscritto le risultanze del Collegio Tecnico !
Abbiamo a questo punto chiesto un incontro direttamente con la Sindaca che… stiamo ancora aspettando… da oltre 3 mesi…
Nel frattempo, ci stiamo organizzando per promuovere azioni legali, anche sotto forma di class action.

About the author

Gian Luca Triglia had written 30 articles for Insieme per Corsico

Nato il 20 febbraio 1974 a Milano, da sempre residente a Corsico, si laurea nell'ottobre 2002 in Scienze dell'Informazione, presso l'Università degli Studi di Milano e comincia da subito a lavorare come consulente informatico, per un'importante multinazionale, operante nel campo dell'Information Technology. E' stato tesoriere e segretario di un'associazione giovanile e si occupa attivamente di politica dal 2004, col suo ingresso in "Insieme per Corsico". Nella scorsa legislatura è stato membro del direttivo dell'associazione e consigliere della consulta di quartiere nord, oltre che membro della commissione biblioteca. Dal 2010 ricopre l'incarico di Portavoce di "Insieme per Corsico".

There are no responses so far.

Leave your response

You must be logged in to post a comment.