Il futuro è arrivato!

Un doveroso ringraziamento a chi ha partecipato all’incontro di ieri sera, sul tema della città metropolitana: nonostante una serata estiva (con partita di calcio in televisione), l’affluenza è stata numerosa e grande soddisfazione ci ha dato il generale apprezzamento espresso, per l’argomento e la qualità degli interventi. Complimenti questi, che rigiro ai nostri relatori, che con grande efficacia hanno destato l’attenzione dei presenti, rendendo facilmente comprensibili temi che non lo erano.

Presto pubblicheremo le foto della serata, intanto, a beneficio soprattutto di chi non ha potuto partecipare, riporto di seguito il mio intervento introduttivo.

Perché parlare della nascita di un nuovo ente locale, quando (almeno a parole) tutti vorrebbero abolire le province? Perché è importante parlare di città metropolitana in un momento di crisi economica come questo, in cui viviamo l’emergenza del lavoro che latita?

La città metropolitana prossima ventura rappresenta una grande occasione, per mettere in comune servizi e competenze, nella gestione dei nostri territori e delle nostre comunità, andando oltre i localismi che spesso frenano la collaborazione fra municipi.

Questa è una sfida importante per il nostro futuro: in uno scenario di risorse sempre più scarse per gli enti locali, procedere in tal senso consentirebbe di razionalizzare la spesa, grazie ad economie che libererebbero soldi da utilizzare più efficacemente altrove, e riorganizzare i dipendenti pubblici, valorizzandone le capacità. Si potrebbe quindi fornire un’offerta di servizi adeguata, potenzialmente più ampia ed efficiente di quella attuale.

In tema di sviluppo economico e lavoro, i comuni spesso possono fare poco, se operano da soli, ma organizzati una rete sovracomunale possono sviluppare politiche organiche per la riconversione delle aree dismesse e mettere assieme risorse per la valorizzazione dei territori, fornendo infrastrutture e servizi che attirino gli insediamenti di nuove aziende. Questo significherebbe più opportunità di lavoro, in primo luogo per chi è della zona, oltre che un’opportunità anche per il commercio, che potrebbe trovare impulso sia nelle vicinanze degli uffici (per soddisfare le esigenze di chi vi lavora), sia più in generale per una maggiore diffusione della ricchezza.

La nascita della città metropolitana è vicina. Sicuramente non sarà la soluzione di tutti i problemi, ma bisognerà farsi trovare pronti, per sfruttarne al meglio le opportunità, per cui qualsiasi intervento delle nostre amministrazioni ne dovrà tenere conto, onde evitare progetti che a breve potrebbero diventare sovradimensionati, ridondanti, inutili… in sostanza uno spreco di risorse che potrebbero essere meglio spese. Abbiamo il dovere di garantire le manutenzioni, di strade ed edifici pubblici, in particolare delle scuole, dove cresce il nostro futuro, per evitare il degrado e garantire la coesione sociale, ripartendo dai valori alla base del nostro vivere in comunità.

Per tutte queste ragioni, abbiamo pensato di organizzare questa serata, in cui degli esperti potranno spiegarci meglio in cosa consiste la città metropolitana, perché con essa il futuro è arrivato.

About the author

Gian Luca Triglia had written 30 articles for Insieme per Corsico

Nato il 20 febbraio 1974 a Milano, da sempre residente a Corsico, si laurea nell'ottobre 2002 in Scienze dell'Informazione, presso l'Università degli Studi di Milano e comincia da subito a lavorare come consulente informatico, per un'importante multinazionale, operante nel campo dell'Information Technology. E' stato tesoriere e segretario di un'associazione giovanile e si occupa attivamente di politica dal 2004, col suo ingresso in "Insieme per Corsico". Nella scorsa legislatura è stato membro del direttivo dell'associazione e consigliere della consulta di quartiere nord, oltre che membro della commissione biblioteca. Dal 2010 ricopre l'incarico di Portavoce di "Insieme per Corsico".

There are no responses so far.

Leave your response

You must be logged in to post a comment.