Il PGT (acronimo che sta per Piano di Governo del Territorio) è il nuovo strumento urbanistico che ha sostituito il piano regolatore generale. La legge regionale lombarda che lo istituì prevedeva che tutti i comuni se ne dotassero entro marzo 2009, ma poiché molti erano indietro nella sua elaborazione, tale scadenza fu più volte prorogata, sino a quella attuale del 31 dicembre 2012.

Risulta composto di tre atti distinti e complementari: il documento di piano, il piano dei servizi e il piano delle regole.

Il documento di piano definisce la programmazione urbanistica e pianifica lo sviluppo della popolazione residente nel comune, attraverso un’accurata analisi del territorio, da tutti i punti di vista: geologico, ambientale, urbanistico, viabilistico, infrastrutturale, economico, sociale e culturale. Alla sua elaborazione possono partecipare singoli cittadini e associazioni, attraverso la presentazione di specifiche istanze.

Il piano dei servizi definisce le strutture pubbliche o di interesse pubblico di cui il comune necessita, tenendo conto dei costi operativi e/o di realizzazione, in funzione della popolazione prevista dal documento di piano. Le indicazioni presentate sono vincolanti per i 5 anni successivi all’approvazione del PGT.

Il piano delle regole definisce la destinazione delle aree del territorio comunale e le modalità degli interventi urbanistici, in sostanza cosa, come e quanto costruire.

Si tratta quindi di un atto fondamentale per il futuro di Corsico: dovrà infatti definire l’equilibrio sul quale reggere il futuro di oltre 34.000 cittadini. Il destino di così tante persone non può essere lasciato al caso, al dilettantismo o peggio a qualche interesse di parte; per questo “Insieme per Corsico”, dopo aver ascoltato con attenzione la voce dei corsichesi, ha presentato le proprie istanze e vigila, dialogando costantemente coi cittidani e con le forze politiche.

Ulteriori informazioni sul PGT potranno essere trovate sul sito della regione Lombardia, o su quello del comune di Corsico.